Università degli Studi di Perugia

Cerca nel sito

Change language

L'Universitŕ su FaceBook L'Universitŕ su Twitter L'Universitŕ su Google Plus
 

Navigazione

Contenuto principale

Requisiti per l'ammissione

Requisiti di accesso

I requisiti di accesso ai corsi offerti dall'UniversitĂ  di Perugia sono:

  • Per i corsi di primo ciclo (Laurea e Laurea Magistrale a Ciclo Unico), il regolamento didattico dei corsi determina i diplomi di scuola secondaria, o altri titoli rilasciati all'estero, riconosciuti come adeguati e necessari per l'iscrizione.
  • Per i corsi di secondo ciclo (Laurea magistrale) gli studenti devono essere in possesso di una laurea o di un diploma universitario triennale, o di un altro titolo riconosciuto conseguito all'estero. Gli studenti devono altresì essere in possesso dei requisiti curriculari ed essere adeguatamente preparati, così come previsto dai regolamenti didattici di ciascun corso di studio.
  • Per i corsi a numero chiuso, i requisiti di accesso sono determinati dai regolamenti didattici e dagli specifici bandi.

Al fine di essere totalmente o parzialmente esonerati dal pagamento delle tasse universitarie, gli studenti devono indicare nella loro domanda di iscrizione l'indicatore dello stato economico equivalente (ISEE) o l'indicatore dello stato economico equivalente per l'università (ISEEU), al fine di ottenere un'adeguata riduzione in conformità alla propria fascia reddituale. E' altresì possibile fare domanda per una borsa di studio A.Di.S.U.

Cittadini extra – comunitari residenti all'estero

Al fine dell'ammissione di cittadini extra – comunitari residenti all'estero ad un corso di laurea, essi devono superare una prova di lingua italiana, salvo specifiche eccezioni previste da specifiche normative del  M.I.U.R..

Cittadini italiani con titoli conseguiti all'estero

I cittadini italiani con titoli conseguiti all'estero frequentano l'UniversitĂ  alle stesse condizioni dei cittadini italiani con titoli nazionali, salva la certificazione dei titoli sopra menzionati.

Riconoscimento dei titoli accademici conseguiti all'estero

In conformitĂ  alla legge 21 luglio 2002, n. 148, le UniversitĂ  possono riconoscere un titolo accademico conseguito all'estero ai fini del rilascio di titoli accademici italiani nell'ambito della loro autonomia ed in conformitĂ  delle rispettive norme, ad eccezione dei relativi accordi bilaterali.

Il riconoscimento dei titoli conseguiti all'estero da parte dell'Università avviene puramente per finalità "accademiche", mentre il riconoscimento dei titoli per fini professionali segue una procedura diversa ed è valutato dalle relative Amministrazioni conformemente all'oggetto.

Al fine di ottenere il riconoscimento di periodi di studio e di titoli accademici, svolti e conseguiti presso Università o Istituti Internazionali di Formazione Universitaria, è necessario presentare un'apposita domanda.

La procedura preliminare di riconoscimento si conclude con una risoluzione del Senato Accademico, adottata su espresso parere del Consiglio dei corsi di laurea, previa valutazione degli studi e degli esami svolti all'estero. Il decreto del Rettore riconosce l'idoneitĂ  del titolo accademico ottenuto all'estero nell'ottica del conseguimento del titolo italiano.

Traduzione dei documenti

Tutti i documenti devono essere in italiano o ufficialmente tradotti in italiano. Al fine di ottenere i predetti documenti tradotti, le parti interessate possono altresì rivolgersi al Tribunale locale od avvalersi di traduttori locali (in quest'ultimo caso, la traduzione deve essere certificata dalla relativa Delegazione Italiana), ufficiali e giurati, o di Delegazioni diplomatiche e consolari operanti nel paese in cui il documento è stato rilasciato.

Approfondimenti